venerdì 3 febbraio 2017

Zucchero di canna grezzo o integrale, proprietà e benefici

Ormai sappiamo che lo zucchero di canna sarebbe preferibile allo zucchero bianco perchè ritenuto più salutare, meno calorico, con un indice glicemico più basso e sottoposto a meno lavorazioni industriali. Anche per lo zucchero di canna però è necessario fare distinzione tra quello grezzo e la varietà di zucchero di canna integrale, che poi sarebbe quella più salutare in assoluto.
La caratteristica è quella di essere leggermente umido, molto scuro e dall’aroma intenso che ricorda il sapore della liquirizia. Questo tipo di zucchero integrale ha subito pochissime lavorazioni e sofisticazioni chimiche e, per questo, è molto amato da chi ama la cucina biologica, quella vegetariana e vegana.
Per ottenerlo si premono le canne e si concentra lo zucchero facendo evaporare l’acqua e utilizzando come combustibile gli stessi residui della canna. In questo modo lo zucchero mascobado, oltre a essere meno trattato, trattiene molti più principi nutritivi che, invece, vengono perduti nella raffinazione dello zucchero bianco. 

 

Zucchero di canna, proprietà

Lo zucchero di canna, specialmente quello integrale che è poco lavorato, è molto ricco di vitamine, è meno calorico, comporta meno  rischio di carie nche perchè contiene calcio, è assolutamente privo di glutine e contiene grandi quantità di acido glicolico, un esfoliante e antisettico naturale che dà grandi benefici alla pelle del viso contro l'acne.

100 grammi di zucchero bianco contengono 392 Kcal. 100 gr di zucchero di canna grezzo invece contengono 377 Kcal. Infine 100 gr di zucchero di canna integrale contengono circa 275 Kcal.

Anche se indubbiamente è più salutare, lo zucchero di canna, sia grezzo che integrale, è sempre controindicato per chi soffre di diabete. Va quindi consumato con estrema moderazione.

Dove si trova e quanto costa
È possibile trovare lo zucchero mascobado in vendita nei negozi specializzati o anche online. Il prezzo si aggira sui 4 euro al chilo.


In cucina
Questo prodotto è ottimo per realizzare dolci, dalle crostate ai biscotti, oppure anche semplicemente nel caffè. Noi vi proponiamo tante ricette buonissime dove potrete utilizzarlo
!

lunedì 30 gennaio 2017

Il nuovo sito per comprare eco- bio equo e naturale

Per chi vuole adottare una coscienza etica ed ecologica rispettosa del lavoro dell'uomo e dell'ambiente,  per chi vuole cercare il benessere personale ed uno stile di vita diverso da quello consumistico. Per chi cerca prodotti di alta qualità, alimenti bio, caffè pregiati, equosolidali ed eco-sostenibili  con  un basso impatto ambientale e contestualmente  a prezzi competitivi.


Alimenti naturali e biologici di grande qualità. qui
Madreterra caffè  ed Equocaffè, per gustare in qualunque momento un ottimo caffè espresso. qui
Il commercio equo e solidale. qui
Prodotti di alta qualità, eco-sostenibili  con  un basso impatto ambientale. qui

venerdì 20 gennaio 2017

Buone Notizie!

Abbiamo conosciuto la Coopervitae: una piccola organizzazione di coltivatori di caffè nel Brasile sud-orientale.  Fin dai primi tempi della sua esistenza, Coopervitae ha praticato e programmato l'agricoltura biologica. Nel 2000 i contadini di Coopervitae hanno ottenuto la certificazione biologica valida per la vendita sul mercato nazionale del Brasile, e nello stesso anno hanno iniziato a prendere i primi contatti con il mondo del commercio equo e solidale.

Anche in Italia aiutiamo nell'esportazione dei prodotti di questa piccola realtà con il commercio di Altromercato.

Un invito agli amanti del biologico a scoprire Biocaffè!

martedì 12 aprile 2016

L'isola di plastica nell'Oceano Pacifico



Avete visto?
E' drammatico vero? Ma mi sono chiesto, cosa possiamo fare noi nel nostro piccolo, nel nostro quotidiano. 
Sicuramente vivere consapevolmente con due semplici propositi: ridurre l’impatto ambientale e dimostrare agli altri, con il proprio esempio il rispetto per l’ambiente e per la sua salvaguardia.
Per alcuni, le ragioni di questa scelta sono ovvie, per altri possono sembrare di poca importanza. Analizziamo oggi, i prodotti, che causano il maggior danno ambientale, le stoviglie di plastica, e troviamo un'alternativa valida.   In diversi negozi green di trovano le stoviglie "bio" che  utilizzano materiali 100% naturali, riciclabili e sostenibili come amido di mais, polpa di canna da zucchero, e altri derivati vegetali biologici.
Ma sono veramente green?
Mi sono imbattuto on-line su tanti siti che lavorano ogni giorno per  rendere l’ambiente in cui viviamo un posto più salutare , alcuni con buoni propositi e basta, altri anche con prodotti molto semplici e non troppo costosi, basterebbe essere bene informati affinchè le persone "normali" potrebbero benissimo utilizzare nella vita di ogni giorno prodotti sostenibili e biodegradabili a impatto ambientale zero.

Le stoviglie biodegradabili. Ecco quali sono i  materiali usati:
(fonte www.vetrinasolidale.com)

e-mail_aro_img_439



Carta:
La carta utilizzata per i  prodotti bio deriva da riciclaggio e da foreste sostenibili per evitare che le stesse si esauriscano.  La carta può essere di nuovo riciclata o, essendo di natura organica, può decomporsi.
PLA:
Significa ‘Acido Polylattico’ che è una plastica biodegradabile ottenuta da risorse vegetali come l’amido di mais.  Il PLA più comunemente usato per i prodotti monouso eco-sostenibili per alimenti ha un basso coefficiente termico e per questo motivo è comunemente usato per alimenti e bevande fredde
PSM:
Significa ‘Pla.amido derivati’.  PSM è un derivato dalla risorsa rinnovabile amido di mais che è modificato per renderlo più resistente al calore. Così come il PLA, PSM deriva da risorse rinnovabili risparmiando l’utilizzo di risorse non rinnovabili come il carbone o il petrolio.
Polpa di Canna da Zucchero:
Questo materiale biodegradabile è un derivato dalle fibre della canna da zucchero ed è un eccellente sostituto dei derivati plastici che impiegano molti anni a decomporsi.  I prodotti realizzati con la polpa di canna da zucchero, non sono solo derivati da risorse rinnovabili-vegetali, ma  hanno anche un ulteriore vantaggio.  La polpa della canna da zucchero verrebbe considerata come rifiuto, in questo modo viene riutilizzata per farne un buon uso.  La polpa della canna da zucchero può essere utilizzata nel microonde, forni e congelatori.

Come lettura vi consigliamo:
Salvare il pianeta di Marshall Natalia


Questa è una generazione terribilmente viziata, è tempo di crescere per aiutare a far guarire il pianeta in cui si vive. Il primo passo per imparare a rispettare l'ambiente è un attento e scrupoloso esame del proprio stile di vita.
Il modo in cui viviamo distrugge o tutela il pianeta? Si è davvero sinceri quando si tratta di giudicare il proprio di vita o cerchiamo delle scappatoie?
Il volume contiene numerose informazioni e "controinformazioni" sui metodi migliori e più rispettosi per non pesare sull'ambiente.

venerdì 18 marzo 2016

Per ridurre gli sprechi in arrivo le capsule caffè biodegradabili

Finalmente è arrivata una valida alternativa sostenibile per gli amanti delle capsule  Nespresso.  Fino a oggi le capsule in plastica o alluminio  non sono mai state  riciclabili ed il  costo ambientale è significativo, visto che ogni tazzina comporta un imballo, in metallo o plastica, da gettare nell’immondizia. 

 La Novamont, azienda leader nel campo dei materiali e bio-chemicals, ha creato la prima capsula completamente compostabile.
Per la fabbricazione delle eco-porzioni è stato usato anche Mater-Bi® di IV generazione, una nuova bioplastica che richiede meno energie e risorse durante la fase di produzione rispetto alle versioni precedenti.
«Le nuove capsule – precisa Andrea Di Stefano di Novamont – si possono definire ecofriendly perché dopo avere preparato l’espresso, si può buttare tutto l’involucro con all’interno il fondo di caffè, nell’umido. 
Oggi ci sono diverse aziende che hanno iniziato a commercializzare capsule fabbricate con materiali ricavati da fibre vegetali e amido, biodegradabili, che dopo averle utilizzate si gettano nei rifiuti organici e si degradano in circa sei mesi. Ma la strada è lunga, infatti  il miglior rifiuto è quello che non viene prodotto,  ma direi che tra una capsula non riciclabile e una capsula biodegradabile è molto meglio la seconda, poi se il caffè utilizzato è un caffè biologico, ancora meglio!

Le capsule biodegradabili si possono trovare in diversi negozi on-line. Il prezzo è simile a quello delle capsule originali Nespresso,  un po’ care ma in alcuni casi si possono travare anche a dei prezzi convenienti, con caffè biologico, come Qui.

venerdì 25 dicembre 2015

Come utilizzare gli scarti della centrifuga

Ebbene si, è arrivata la centrifuga, magari come regalo di Natale. L'avete desiderata perchè i centrifugati permettono di assumere molte vitamine e sali minerali concentrati in un unico bicchiere, mentre se si dovesse mangiare lo stesso quantitativo di frutta e verdura che si usa per fare i centrifugati si rischierebbe di scoppiare. Infine, sono un ottimo modo per far assumere vitamine e sali minerali ai bambini, che non sempre amano mangiare la frutta e la verdura. Ora fate gran bicchieroni di vitamine e sali minerali, ma... non sapete che farne degli scarti vero?

 Vediamo allora alcune idee !

Scarti di verdure

 Un'ottima idea è quella di aggiungere la polpa di verdure (ad esempio di carote, spinaci ecc.) al ripieno delle torte salate o di pasta fatta in casa come tortelli e ravioli. Se amate le frittate, le potete arricchire con la polpa di finocchio, sedano, magari con una spruzzata di curry per rendere il tutto più saporito. D'inverno le zuppe e le creme di verdure faranno da padrone nelle vostre tavole, quindi perché non colorarle un po’ con l’aggiunta di qualche polpa di verdure? Si possono anche preparare delle polpette vegetariane di miglio o cous cous condite con la polpa di scarto delle centrifughe. 

Scarti di frutta 

Gli scarti di frutta possono essere aggiunti allo yogurt, oppure si possono fare dei ghiaccioli con l’aggiunta di acqua. Un’altra idea è quella di preparare dei muffin gustosi con la polpa delle mele e un aggiunta di cannella. Come vedete le possibilità sono svariate e se in alcuni giorni siete proprio pigri potete semplicemente usare lo scarto delle centrifughe come compost per le vostre piante, se invece avete le galline sappiate che lo apprezzeranno molto come pranzetto delizioso. 
E' importante separare le polpe di frutta e verdura, quelle più dolci da quelle meno dolci. Io inserisco un sacchetto del congelatore nel recipiente di scarto del centrifugatore, inserisco prima la frutta, cambio il sacchetto e poi centrifugo la verdura. E’ più semplice e veloce di quanto possiate immaginare.

 Quindi non sentitevi in colpa per gli scarti ma utilizzateli e bevete tante centrifughe!


giovedì 3 dicembre 2015

Salute e benessere generale

Cuscini con noccioli di ciliegia o con semi di lino
Dopo aver mangiato le ciliege i noccioli mica li buttiamo! Li laviamo, li mettiamo a seccare al sole e li teniamo. Quando ne abbiamo un po’, ci facciamo un cuscinetto, anche piccolo, con un pezzo di cotone 100% morbidissimo

Ma di cosa si tratta? A cosa servono ’sti cuscinetti?
A tantissime cose.I noccioli di ciliegio sono utilissimi nel trattamento di dolori articolari, torcicolli, cervicali, coliche addominali, geloni e ogni qualvolta si abbia bisogno di una fonte di calore a scopo terapeutico.
Il calore sprigionato dai noccioli è un calore secco, quindi diverso per esempio dal calore che si ottiene con una borsa d'acqua calda. Tra le note positive segnaliamo il fatto di non produrre scottature o bruciature, come avviene con l'uso di acqua calda e simile. Il calore dei noccioli è perfettamente dosato e innocuo. E' una bella idea avvicinarsi un cuscino nei mesi invernali per ricevere calore e dormire meglio.
Sono molto adatti anche per i neonati e per i bambini.
Il calore continuo sprigionato può durare sino a 40/50 minuti e può essere prolungato riscaldando nuovamente i noccioli.
I noccioli di ciliegio oltre a trattenere calore allo stesso tempo trattengono il freddo. Se messi in freezer si raffreddano e mantengono per lungo tempo la freschezza. Possono quindi essere usati nei massaggi gambe, per alleviare contusioni, dolori muscolari e pruriti, distorsioni e insolazioni. Utile alleato per combattere l'afa in estate.
Istruzioni per l’uso:

A caldo Il cuscino può essere riscaldato nel forno a microonde alla temperatura di 600W per 2-3 minuti, o in forno normale a 100 gradi per pochi minuti. Controllare sempre la temperatura prima di utilizzare e agire con cautela.
Altri esempi di utilizzo: riscaldare la culla prima di mettere il bambino, impacchi caldi per migliorare l’ingorgo del seno durante l’allattamento, impacchi caldi per tutti i disturbi che possono ottenere un beneficio dall’utilizzo di calore a scopo terapeutico: dolori articolari, torcicollo, cervicale, coliche addominali, geloni.

 A freddo Il cuscino può essere raffreddato inserendolo nel congelatore per un paio d’ore (proteggerlo con un sacchetto di plastica). Una volta raffreddato può essere usato come una borsa del ghiaccio senza avere il contatto diretto con il freddo. Esempi di utilizzo: rinfrescare il capo del bimbo con la febbre alta, massaggi alle gambe, per alleviare contusioni, dolori muscolari, pruriti, punture d’insetti, distorsioni e insolazioni.

AromaterapiaLe qualità dei noccioli di ciliegia caldi si associano stupendamente alle virtù dell’aromaterapia.Porre l’olio essenziale scelto sul cuscino riscaldato.
I noccioli di ciliegia si possono comprare anche in internet, ma in grossi sacchi in quantità industriale.
Qui si trovano in vendita dei cuscinetti  di noccioli già pronti in  varie forme per tutti, e cuscini per neonati, o per i bambini in simpatici peluche.
E' un'ottima idea regalo!

Conservazione e lavaggio dei cuscini:
I cuscini ai noccioli di ciliegia sono prodotti puramente naturali. Conservateli perciò in luogo fresco e asciutto. Pulite i cuscini di tanto in tanto riscaldandoli per tre minuti nel forno a microonde oppure per 15 minuti nel forno preriscaldato a 100° C. Possono essere lavati anche immergendo il cuscino per un’ora in acqua fredda, quindi procedendo col lavaggio a mano o in lavatrice a 40° con sapone neutro. Bisogna che poi siano asciugati molto bene.
Il consiglio in più: una volta l’anno (meglio a fine inverno) immergi il cuscino in una bacinella di acqua fredda senza aggiungere detersivo; lascialo immerso mezza giornata e poi stendilo fino a che non si sarà perfettamente asciugato; i Noccioli di Ciliegio saranno perfettamente reidratati e il cuscino sarà come nuovo.

by: www.vetrinasolidale.com